di Dario Asplanato – Supervincitore – sezione poesia 2010

È nato a Sanremo (IM) e vive a Roma. Impiegato è sposato e ha due figli. Ha fatto il liceo classico e ha il diploma di laurea universitaria. Ha iniziato a scrivere poesie negli anni ’70 e dopo un lungo silenzio poetico ha ricominciato a seguire l’estro e la vena poetica da un decennio, incoraggiato da un amico. Cerca di tenersi in forma facendo sport e forse per questo è sensibile a cogliere gli aspetti delle cose che vede traducendole in poesia a verso libero. Da qualche anno si diletta a scrivere dei racconti presi dal concreto con trame di fantasia. Partecipa al Concorso 50&Più da quattro anni; nel 2008 ha vinto la Menzione speciale per la poesia.

Dario Asplanato

Come una Silfide

Tra i freddi palazzi
di una città impigrita,
nelle porzioni d’ombra
le ore sembrano senza fine
e un’aria gelida
blocca
ogni speranza di sorriso.
Al mattino i comignoli,
come in un avvizzito passatempo,
fumano grigio
mentre nell’aria, più chiara,
si disperde
l’odore della notte.
Cerco nelle sagome
silenziose dei passanti,
una scia di serenità,
ma nell’artificio dei pensieri,
i volti,
riflettono insolite alchimie.
Uno staccato di ricordi
staziona in me,
assorbendo
istanti di esistenza,
nella ricerca di nuovi slanci
mi scrollo di dosso
ineluttabili apprensioni
e come una silfide
inseguo
delicate armonie
nei voli lenti dei gabbiani.