di Gianna Piasentin Prati – Supervincitore – sezione poesia 2015

Professoressa di Lingue e Letterature straniere in pensione, insegna ora, come volontaria, ai ragazzi stranieri. Vive a Verona. Partecipa al Concorso 50&Più per la quarta volta.

Gianna Piasentin Prati

Sì, ogni giorno ti ricordo
e percorro il sentiero fossile della nostra felicità
e rimango inerte
con le mie favole vinte,
con i ricordi voraci e laceranti
e ti racconto di me,
anche se non rispondi,
di me vinta come una farfalla nella pioggia,
ti racconto le mie tristezze
di povera rondine senza nido
che cerca riparo
in una tenera carezza, sì.
Poi le nuvole malinconiche
si diradano
e mi appare il tuo sorriso.
Come vorrei cogliere
nel giardino dei sogni
due fili d’erba
per farmi le ali e volare da te, sì.