di Giulio Rocco Castello – Supervincitore – sezione poesia 2016

È nato a Salerno, dove vive. Docente di scienze in pensione, amante dello sport, del ballo, dell’arte e in particolare della poesia. Al Concorso 50&Più nel 2009 e nel 2014 ha ricevuto la Menzione speciale della Giuria per la Poesia.

Giulio Rocco Castello

Un giorno nuovo

E torna pallido a riposare il mare
dopo che l’onda ha perso il suo respiro,
in questo mattino estivo
la calura ancora dorme.
I palazzi attorno pieni di silenzio
le prime foglie gialle spinte
da un inoperoso vento.
Quest’alba sbiancata e tarda
sopprime i sogni,
ma la memoria resta e scova dentro, avemmo noi il giusto tempo
delle rotte senza limiti
il fuoco ardente, essenza
di voli spinti
da un punto all’altro di speranze.
Un’occhiata intorno,
due barboni sulla panchina dormono hanno l’estremità del vuoto
sotto una coperta gialla.
E poi l’ombra lascia il passo,
la città si sveglia
ancora volti sull’affannoso asfalto,
ricomincia la corsa del nuovo giorno.